md5_edited.jpg
md4_edited.jpg
md1_edited_edited_edited.jpg
md2_edited_edited_edited.jpg

Chiudi gli occhi. 

Ascolta le chitarre elettriche e la melodia degli inni sacri.

Assapora l'odore della benzina e il calore delle fiame.

Sono sempre più distanti. Lontani. Chiusi fuori da questa grotta.

Qui non possono entrare. Questo non è un luogo di vita.

E' un luogo di morte. E' un luogo di storia.

La nostra storia.

 

Nel tempo antico, il nostro regno era orgoglioso e potente.

Le sue torre arrivavano a pugnalare anche il cielo.

Nel tempo antico, il nostro regno era la democrazia più grande del mondo. 

Era l'America. Terra del grande spirito e della libertà.

Ma nel tempo antico, il nostro regno era corrotto.

E così il Fuoco Nero cadde dal cielo

 

Ma dalla devastazione sorsero

il Presidente Eterno e i suoi  Re del Congresso

 

Essi videro il regno d'America distrutto.

Ma nella distruzione trovarono il coraggio di tracciare un nuovo inizio, poichè le bombe figlie del sole avevano lavato via la corruzione.

Altri, però, voleva riportare il tempo a come era prima.

Altri, chiusi nelle loro caverne di ferro e di luce, volevano tornare alla corruzione.

 

A loro il Presidente Eterno diede battaglia.

Le loro caverne dovevano essere distrutte.

Le loro luci, spente per sempre.

Solo così l'America sarebbe stata libera di rigenerarsi nell'epoca nuova.

 

Solo così l'America sarebbe tornata grande, ancora una volta.

 

Ma il Primo Re del Congresso tradì il suo giuramento.

 

Dopo aver conquistato una caverna di ferro e di luce, non la spense per sempre, ma ne fece il suo feudo, sedendosi sul trono di cavi e macchine proibite.

Su quel trono, il Primo Re siede ancora oggi.